Lingue: con la magistrale, più chance nella ricerca di un buon lavoro

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricamento ... Caricamento ...

Lingue: con la magistrale, più chance nella ricerca di un buon lavoro

Se la laurea triennale può bastare per trovare un lavoro, la magistrale certamente ti aiuta a fare carriera.

È questo il messaggio lanciato agli studenti della triennale, durante la giornata dell’Open Day che si è svolta martedì 15 giugno, dalla professoressa Lucia Mor e dalla neolaureata Rachele Cavagna.

Riprese e montaggio: Enrico Venturi

Una Risposta a “Lingue: con la magistrale, più chance nella ricerca di un buon lavoro”

  1. Eireann dice:

    Sono laureata, Laurea Magistrale in Lingue e letterature straniere presso l’università cattolica di Brescia dal 2006 (110 lode, inglese e spagnolo). Ho svolto un Master in Intercultural Studies presso la Dublin City University di Dublino e ho vissuto due anni in Irlanda. Ho imparato più in due anni di studio e lavoro all’estero che in 5 anni di università cattolica (a cui consiglio onestamente di rivedere i metodi di insegnamento della lingua: buttate via i manuali e fate parlare gli studenti in inglese!!). Ho lavorato due anni in una ditta come commerciale estero finché l’attività non ha retto i disastrosi tempi di crisi. A oggi, dopo decine e decine di colloqui in questa piccola e ipocrita Italia sono alla ricerca di un posto che possa gratificare gli studi fatti e le esperienze accumulate. Ma ahimé, a oggi, posso dire con certezza che la laurea in lingue, se non si opta perla carriera da insegnante (pure questa poco promettente visto che forse solo dopo mille concorsi e qualche misero lasciapassare, a più di 40 anni, vi concederà un “semiposto” fisso..)è completamente improduttiva o – se preferite – sottovalutata? All’estero, forse, si trova ancora uno spazio e una speranza per i giovani laureati in materie umanistiche, ma in Italia fino a 50 anni con master e lauree nel cassetto ti sentirai perennemente dire che “non hai sufficiente esperienza”.
    E’ il solito serpente (avvelenato) che si morde la coda… E’ la solita Italia…

Lascia una risposta