BOBOS, una scelta di libertà

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricamento ... Caricamento ...

BOBOS, una scelta di libertà

Il Laboratorio Organizzazione di eventi nel campo della Moda dello STArS (Scienze e Tecnologie delle Arti e Spettacolo) dell’Università Cattolica di Brescia ed Ikea, insieme in un evento culturale dal titolo:

Bobos: una scelta di libert�
immaginari e nuove sensibilità del vivere contemporaneo

 

Un team di lavoro tra mondo accademico e mondo produttivo per rappresentare uno stile di vita tra i più evoluti della società, che incarna le tendenze più significative dell’oggi (individualismo, narcisismo, estetizzazione, benessere, edonismo, polisensaualismo, fusion, ecc.). Stiamo parlando dei Bobos, (bourgeois bohémiens), i trend setter di successo che influenzano moda, mode e consumi.

Gli studenti disporranno della necessaria conoscenza per comprendere i fenomeni socio-culturali che caratterizzano il mondo dei consumi di moda di oggi, ed avranno l’opportunità di progettare ed allestire con i responsabili dell’immagine e della comunicazione di Ikea.

Un’occasione straordinaria per gli allievi che possono vivere da vicino tutte le fasi del progetto, dalla creazione all’allestimento. Verranno rappresentati quattro diversi modi di abitare lo spazio del privato in funzione della specificità dei soggetti che vi abitano, per professione, età, cultura, status, ecc. Saranno un web designer, uno stilista tecnologico, un DJ e un regista di teatro. Un allestimento tra Moda e Design che richiama l’eclettismo dei Bobos, la libertà di scelta, il desiderio di vivere in ambienti personalizzati, minimalisti ma non banali, e la costante ricerca di esperienze estetiche e patemiche.

Ikea è il luogo ideale per esprimere il nuovo nella cultura della postmodernità, e la sua partecipazione al progetto è il bisogno culturale di testimoniare il culto della creatività, democraticità, funzionalità, gusto e senso estetico, attraverso i suoi allestimenti a forte impatto emotivo. La mostra sarà inaugurata il 16 giugno e si concederà al pubblico sino al 22 giugno.

E’ rivolta a tutti, dal consumatore allo studioso, dal progettista al creativo, alle persone comuni, ad un pubblico potenzialmente ricettivo nei confronti delle nuove sensibilità emergenti, che sente il bisogno di un arricchimento culturale per meglio comprendere il vivere quotidiano e per trovare nuovi stimoli per una nuova progettualità di vita.

Lascia una risposta